Nere sono le mie navi

e l’orizzonte lei,

accesa in cleptomani specchi di luce

mi amoreggia l’anima.

Temporuggine

consuma le ore in lontananza

paziente imbastisco la notte

un rosario di gocce e cristalli splendenti per le sue mani.