Patrick Krolis-Last ray of light

Patrick Krolis-Last ray of light

Forse bisognerebbe tirare le tende, lasciare

il corpo tutto intero colare nella fatica

spogliarsi degli intrecci di pensieri, del nero

abbraccio delle alghe, tranciare di netto

con la tua stessa morte, ciò che è stato e che non è

più, con quello che verrà, l’ineluttabile

marea d’immagini e suoni, che i sommersi – si dice

non portano via, lasciare il tempo

come pioggia batterti la fronte

finché tutto ridiverrà polvere

nella camera del morto: si vuotano i cassetti,

si spazza attraverso la porta aperta la luce

un istante si fa carne e rabbrividisce.

Guy Goffette