Tremava la mano
sotto una luce fioca
il nostro intreccio.
Fuori dal suo guscio opaco
vibrava l’anima
e in penombra i corpi.
Eravamo in due
ma giuro
c’era una sola ombra.