Quale improvviso

mi porta l’antico invito,

richiuso nel disordine

che non ha regole,

fragile nudità nell’essere

la miniera della creazione,

sempre aperta all’abisso

finché dura lo scorrere vano

di ogni parola?