Andava un passero
ad un davanzale di neve
e di viole

beccava l’amore del pane
per nutrire l’ala

ma venne un cielo di fulmini

nè casa nè bosco negli occhi
e fanghiglia rifiutavano
gli arti.