Si vive senza poesia

nella polla

che abbonda

linfa

in preda all’arsura

di quel cavo

frugolo

Tra breve

sorseggerà

vacuità