Michal Karcz

IL SORRISO ETERNO

(…) C’erano una volta alcuni morti che sedevano insieme, nell’oscurità; dove, non sapevano – forse, in nessun luogo.

Ma, sedendo, discorrevano per far sì che l’eternità trascorresse. “No”, disse uno del gruppo continuando una conversazione che durava da tempo immemorabile, “i vivi sono troppo presuntuosi. Si immaginano che tutto dipenda da loro. Dirigono e dispongono laggiù le loro inezie, perciò credono di vivere. Quando al mattino escono di casa e, lieti per il nuovo giorno, si affrettano nella fresca aria, a vicenda si rivolgono occhiate segrete, come a dire: – Tu ed io siamo vivi, tu ed io viviamo” (…).

Par Lagerkvist