gli orizzonti torbidi mi narravano

degli atti indigesti e degli infiniti

campi dei miei dubbi, di quei

riflessi di birra nei suoi capelli

quando emanava profumi di

fili d’erba,cannella e tenebre,

quando se si fosse girato a

scrutarmi sarebbe diventato pietra