Werner Van Hoylandt

COME SONO DIVENTATO STUPIDO

Ad Antoine era sempre sembrato di avere l’età dei cani. Quando aveva sette anni, si sentiva logorato come un uomo di quarantanove; a undici, aveva il disincanto di un vecchio di settantasette. Ora, a venticinque anni, sperando in una vita un po’ più dolce, Antoine decise di coprire il proprio cervello con il sudario della stupidità.

Troppo spesso aveva osservato che l’intelligenza è parola che designa sciocchezze ben costruite e graziosamente enunciate, ed è talmente traviata che sovente è più vantaggioso essere stupidi che intellettuali doc.

L’intelligenza rende infelici, solitari, poveri, mentre mascherarla permette un’immortalità da rotocalco e l’ammirazione di quelli che credono in ciò che leggono.

Martin Page