la tua voce che fu rinchiusa

nel viale dei cipressi

a volte si stacca dalle cime e viene

alla mia veste con tue parole ed altre ali

poi lontanando si sperde

nella cera del tramonto quasi dorata

quasi calda e tiepida

ora piano piano sempre più fredda