Rolland Flinta

GIACOBBE E L’ANGELO

Poco prima dell’alba sospirando

lei lo stringeva così, e lo sconfisse.

E anch’egli la stringeva, e la sconfisse,

e sapevano entrambi: quella stretta

portava la morte.

E rinunciarono a dirsi i loro nomi.

Ma al primo chiarore

egli vide il suo corpo:

ed era ancora bianco

nei punti dove ieri

il costume da bagno la copriva.

Poi a un tratto da lassù la chiamarono,

due volte.

Come chiamando strappi una bambina

ai giochi nel cortile.

E lui ne seppe il nome e le permise

di andare.

Yehuda Amichai