Cory Smith

LA RIVALE

Se la luna sorridesse, ti somiglierebbe.

Lasci la stessa impressione

di una grande bellezza, ma annientatrice.

Siete tutte e due grandi accaparratrici di luce.

La sua bocca ad O piange per il mondo;

la tua non fa una piega,

e il tuo primo dono è di trasformare in pietra ogni cosa.

Guardo, c’è un mausoleo; tu sei qui,

tamburelli le dita sul tavolo di marmo, cerchi le sigarette,

malevola come una donna, ma non così apprensiva,

muori dalla voglia di dire qualcosa

che non ammette risposta.

Anche la luna umilia i suoi sudditi,

ma di giorno è ridicola.

Le tue insoddisfazioni, invece,

arrivano nella cassetta della posta con amorosa

regolarità, bianche e vacue, espansive

come monossido di carbonio.

Non c’è giorno al riparo da tue notizie,

sei a spasso per l’Africa, magari, ma pensi a me.

Sylvia Plath