Wieteke de Kogel

SULL’ACQUA CHE CRESCE

Senza un bevitore

un contrappeso allo sguardo

un segno sul muro, dritto

sull’acqua che cresce

un segno uguale sulla terra

sulle foglie

come in grembo

le mani, senza un sognatore

per questo santo dilemma

le ginocchia accoste per non cadere

una grande forza che ho

si dovrà sapere per vero

e per amore infine

diverso, un unico senso

dove cammino

un senso di pane.


Michele Guarini