Le mie mani sono contaminate dal cromo:

quando stringo la mela e l’assaporo in purezza;

quando accarezzo l’imperfetta solitudine dei volti

o sfioro il sonno nella lallazione della luce,

io sento – tutte – le dermatiti della vita.