Stanno al gioco la gazza

e il cielo a primavera

(oggi la terrazza

è una barca a vela)

con i panni stesi al vento

hai le labbra sul mio mento

tu che scruti il mio destino

ridi e leggendo i miei omissis

mi fai sentire Onassis. Il divo.