Teneramente strozzi la canna

e la linfa s’impiglia alle dita

dell’amore rimane l’umore

di scivoli e dune e asili notturni,

è giorno, è luce che spalma la pelle

di un colore che ritorna ai tuoi occhi.