Il volto accarezzato s’arrossa

di tempo immaginario:

il principio cosmologico del sangue

il cono-luce degli sguardi.

Con metrica di baci

negli iperspazi, nelle ipersfere

nei soli incandescenti

nei cieli: meduse di topazi.