Questo è un periodo, comunque.

Coi suoi modi e tempi. E le persone, vere o presunte.

Si sorride poco. Si parla ancora meno.

A ben vedere non c’è azione alcuna.

E tutte le figure sono calchi, inanimati.

Anche le cose simulano. Come il violino

sulla sedia che non è una sedia

non è un violino vero. E in ogni caso

chi lo suonerebbe. Nessuno qui

ha studiato musica.