Davanti poi, chilometri di grano ad ogni lato,

la sensazione di un’età felice,

senza preavviso, un uragano di frumento

un grido trattenuto sotto il cielo basso,

senza vento.

Sono chilometri di luce e terraferma, nell’età dell’oro,

navigando, camminando sui colori spenti della sera

fino al riposo con la testa sulle spighe,

con le spighe nei sogni: senza temere il buio.