Fulvia Menghi


CASTELLI IN ARIA

Soffro,

muta e inerte,

osservando l’addio.

Reprimo

questa necessità continuare a provare

il sapore del caffè nella sua bocca,

rimango concretamente

con l’evento dell’assenza,

dal quale emerge l’incredulità

di mostrarci altri silenzi,

un’altra verità

che distrugge i castelli in aria

che abbiamo tessuto senza di noi,

demolendo l’eternità

consumata dall’assenza.

Susana Chavez