Vivo senza appesi fili

tra desiderio e la sua inarrivabilità,

lascio che non si raggiungano

li faccio ondeggiare

nei giorni miei di vuoto,

il mare qui non c’è,

la risacca è quella del sangue

su quella parete dura

ch’è divenuto il cuore.