King Douglas

COME UN SOGNO


Correndo

lungo le scale

mi fermai

e voltai la testa.

Lui era lì,

avvolto da una sfera di nebbia,

e intonava in falsetto

una canzone triste.

Sorridendo tra le lacrime

ripresi a salire,

allontanandomi dalla sua voce

che sfumava nella notte

come un sogno

che il sole al mattino

dissolve.

Saffo