Non erano contemplati i girasoli
sull’orlo dell’abisso
eppure stavan lì
ad osservarmi
con il loro giallo prepotente
che pareva un urlo persistente

a ricordarmi
che il protendersi verso l’infinito
è l’unica ragione per restare.