Gordana Hajnovic

SENZA ESSERE ANGELO

Non posso sapere le ore

che accumulo lungi da te.

Un sole implacabile vieta

che il tempo passi. Non arriva

la notte mai. Io volo

sotto una luce ch’è morte,

luce che accerchia il tuo mondo,

luce che, s’io non corressi

la corsa dell’astro,

sarebbe per me l’aurora.

Felice te, che non hai

luce costante; che godi

notte e giorno nell’anima.

Non sai che cos’è smarrirsi

illuminato e insonne

nello spazio, tra nubi,

senza essere angelo,

senza essere angelo.

Manuel Altolaguirre