respiro questo mio autunno

dalle larghe falde rosse

con i giorni spalancati

alla radice dei pensieri

sorridenti come oroscopi

nascondo il tempo da segnare

tra i fogli bianchi di un quaderno

per fermare le parole

avvolte nel silenzio del

nostro cerchio dal fermaglio

ancora aperto

è ancora chiara l’ombra

che s’allunga sulla riva

perciò ti parlerò

di sogni appena nati

sul filo azzurro dell’orizzonte