Ti perdi nella seta dei miei capelli
e una giungla ti viene incontro
allegra e rumorosa,
così la spazzola si addentra nel crine
sapendosi strumento delle tue invisibili
carezze