Ada Panich

IL RE È MORTO, VIVA IL RE

(…) Proprio ora che molti degli oggetti appartenuti a Ingmar Bergman stanno per essere messi all’asta a Stoccolma da Bukowskis, Tom Österman – uno dei curatori del fondo – ha notato un particolare a cui nessuno (pare) abbia mai fatto caso prima.

Sulla scacchiera presente nella casa del grande cineasta manca il re bianco. Forse proprio quello che Max von Sydow fa cadere con il suo mantello ne “Il settimo sigillo”. Rotto sul set, il regista avrebbe deciso di gettarlo e non sostituirlo, lasciando così la parte bianca della scacchiera senza il suo re: un po’ come il cinema europeo dopo la morte di Bergman.

Clelia Mazzini