Ursula Abresch

PIOVE FORTE

Piove forte. Ombrelli neri,

dritti, storti, corrono

scappano. Sotto gli alberi,

nel guazzo, è pieno di fiori.

È allegro questo acquazzone.

Viene l’estate. E altre estati

si svegliano in me per un attimo,

umide, verdi, sparite.

Un uomo s’è fermato, sotto

un ombrello con il buco. Guarda

i bambini che sguazzano

nel cielo di una pozzanghera.

Virgilio Giotti

Spiovazza. Ombrele negre,

drite, storte, le cori

le scampa. Soto i àlbori,

nel sguaz, xe pien de fiori.

Xe alegro ‘sto slavazzo.

Vien l’istà. E altri istai

se svea in mi pa’ un àtimo,

ùmidi, verdi, andai.

‘N omo se ga fermado

soto un’ombrela sbusa.

El varda i fioi che sguazza

nel ziel de ‘na calusa.