Ci siamo svegliati con la neve

e su alberi e tetti crepitava

(ignari uccelli muti alla deriva)

e tutto quel biancume ci ha straniti,

di là dai vetri opachi, abbacinati,

e prima di uscire mi hai baciato,

un soffio appena un rèfolo

di bacio che più non ricordavo.