Come i petali di rosa

Camminando nei tuoi capelli arruffati

il tuo amore mi spinge dentro le visioni amiche, dei baci

che fanno a gara per posarsi per primi sulla bocca

io sono l’albero attaccato ai tuoi rami, e non li lascia mai

Mi muore in gola il fiore sbocciato

sono io, quella che t’aspetta dietro la porta schiusa

del tuo desiderio in festa, vieni presto

succhia il miele della misteriosa pelle che ti offro

Sono la fontana, e scorro lungo i solchi della tua terra

mi disseto quando il tuo umore liquefatto

goccia dalle mani un petalo di rosa e sboccia

come l’ape succhia il nettare dopo averti punto d’amore