Sei il respiro

lento e profondo

che scandisce il cuore dei giorni.

Ti muovi nei passi

di “andate” e di “ritorni”.

Sei braccia forti

e terra da coltivare.

Il vento dove lasciarsi

piano andare.

Sei tutto questo mio presente:

un attimo di immenso.

L’immenso mai raggiunto.

L’immenso mio vivente.

Sei la vita

e il credo in cui morire.

Il sentimento eterno

la sete di Coerenza che non conosce inverno.

Sei il giorno nuovo

il giorno sempre da scoprire.

Sei quel “per sempre”

che spazza via le banalità

e rende Vera questa agra e dolce esistenza.

Sei l’innocenza tesa alla verità.

Sei quel “per sempre”

che fonde nella tua

tutta la vita mia:

in ogni istante, nell’armonia

per tutti i secoli dei secoli.

E così sia!