L’undicesimo giorno è una raccolta di versi intrisi di emblemi che riecheggiano di buddismo: il viaggio, la felicità, la luce, i fiori, il mare, simboli che indicano una personalità, sensibile, amante, vogliosa di ricercare la luce che è in se stessa e raggiungere la meta, l’approdo dopo un lungo peregrinare. La vita è una continua ricerca di sé, spesso faticosa, ma occorre armarsi di speranza perchè – come insegna un giovane monaco buddista nel Giappone del XIII secolo – la luce è in ognuno di noi ed emana un’energia vitale congiunta con il ritmico e armonioiso flusso di energia universale, occorre riconoscerla… leggi in (pdf) l’intero contributo.