Le poesie di Daniela Liviello non contengono solo parole poetiche, hanno qualcosa di più, qualcosa che le avvicina all’acqua, al mare; in esse, la liquidità si trasferisce su un piano sensuale che và oltre la nota lirica. L’impressione è, quando si legge Litanie dell’acqua, di sentirsi trasferiti sopra uno spartito musicale dove le note scorrono come immagini dove vive il modello lirico che le sostiene. Lo spartito allora diventa la superficie grafica in cui si rivela il nascosto. Se dietro ogni cosa descritta dalla mano di Liviello alberga una musicalità intrinseca, con delle frequenze, ritmi propri delle litanie, l’incontro rivela fondamentalmente la natura dell’elemento veicolante la poesia: l’Acqua.

Infatti, questo elemento è costitutivo sia della poesia sia della musica, veicolo allegorico e simbolico insostituibile di tutte e due le arti. L’acqua sa porsi al servizio del ricordo, un ricordo complesso, materico ma dinamico che occupa tutto lo spazio del pensiero non avendo un volume proprio. Qui abito dove l’acqua sfinisce/ la preghiera riprende a riva/ del ritorno. Oppure in: Dove muta è la memoria/ il silenzio è lo specchio d’acqua che tace/ che lo stesso viso rimanda. /Non parla mai di niente. /Un fiore aspetto diruto/ che galleggi e passi/ sullo stagno muto. L’acqua è un segno, un segno di dolore impresso in una memoria indelebile che lascia l’impronta mnesica anche dove lo stesso spazio, inteso anche come distanza, si diluisce fino a perdere ogni referente temporale.

Il lamento del ricordo non si diluisce mai, neanche quando la lontananza vorrebbe spegnerlo. Nella poesia a pagina ventuno questo assunto è chiaro. La sera che è linfa nera, del giorno, cioè della luce vissuta come ricordo, chiama verso quelle voci lontane. Sentiamone alcuni passi: Qui ci sono voci d’acqua/ e scivolano piano: sarà il fiato della sera/ o la nera linfa del giorno/che si spegne/ nell’ora che tentenna dubbia/ e incerta. La poesia insegue poi voci d’acqua e così, finalmente, il ricordo si fà litania e torna, liquida come l’acqua, ad accompagnare il suono: Voci d’acqua scivolano piano/ a tratti/ un canto scorre.

Aky Vetere

Liviello Daniela – “Litanie dell’acqua”

Liviello Daniela - "Litanie dell’acqua"

ISBN: 978-88-7848-720-8

Prezzo: €13,00EUR

Anno: 2012