A te che mi hai accompagnato

in questi anni silenziosi

e furenti

per le tue parole capite non dette

per il tuo amore senza domande e risposte

senza saluti e dolore

per i tuoi gesti così crudeli da non farmi

più male

per questo mistero

misterioso e nascosto che ti riporta lontano

come l’acqua del fiume che

arrivata al mare

torna alla sorgente

e riprende la via

per questo tuo rubarmi la vita

e regalarmi la felicità