Fortuna Della Porta non si contenta del guardaroba di parole apprese: fabbrica e aggiunge altre parole coniugando il dialetto con radici e parole latine, greche e di altre lingue, con esiti nuovi eppure verosimili, efficaci. In effetti tutte le lingue, che nelle grammatiche sembrano blindate, subiscono mutamenti non previsti quando i parlanti cercano parole più succose; pensiamo solo, per esempio, ai basia mille che Catullo veronese chiedeva a Lesbia invece dei soliti oscula…di Lidia Gargiulo

Lu vennetore d’armanacchi
e l’adduvino
comme dicette chi sapimmo
so li mastrissi de l’anno ca more.
Auanno, co li tiempi nivuri,
co la crisa ca sorchia frisuli e mulliche
pur’io, ca nun m’ammocco stroppole,
pantecata, stammatina, ‘ntressiata
so juta a m’abbabbià nu muzzeco de sciorta
‘ncopp’ ‘a primma paggena e nu jurnale supero:
pecché manco chilli lustri s’anniano
a l’ausanza de lu roscopo.

Ma che fa?
Lu dicette già isso.
È cumma a quanno t’accatti li nummeri
e po te mietti a sbarià pe juorni chini
patrone ‘e tutti li munni e li stramunni
‘ncoppa na varca ca se la fesseia
e miezz’a l’acqua vuculiannete
pisca scupiglia e li suonni cchiù astipati.

Il venditore di almanacchi/ e l’astrologo,/ come disse chi sappiamo,/ sono i
signori dell’anno che muore./ Questa volta, in tempi duri,/ con la crisi che
sugge spiccioli e molliche,/ pure io che non m’imbocco frottole,/ afflitta,
stamattina, arrovesciata,/ sono andata a ingraziarmi un pizzico di sorte,/
sulla prima pagina di un giornale supero/ perché neanche quelli più
illustri/ si negano al costume dell’oroscopo./Ma che fa?/ Lo disse già lui./
È come quando acquisti i numeri/ e poi cominci a fantasticare per giorni
interi/ padrone di tutti i mondi e l’oltremondo/ su una barca che si
pavoneggia/ e in mezzo all’acqua cullandoti/ pesca monili d’oro e i sogni
più riposti.

Fortuna Della Porta è nata a Nocera Inferiore (SA), scrittrice, poeta e critico letterario. Ha pubblicato cinque raccolte di versi: Rosso di sera, ed. Il Calamaio, 2003; Diario di minima quiete, LietoColle, 2005; Io confesso, ed. Lepisma, 2006; Mulinare di mare e di muri, Lietocolle, 2008; La sonnolenza delle cose, Lietocolle, 2010 e Gramaglie e Frattaglie, Lietocolle 2011.

Un poemetto di circa 1000 versi, Canto Primo, è apparso sul periodico letterario Poiesis. Numerosi i testi in antologie e in rete.

In prosa: Scacco al re è opera teatrale per le edizioni Carta e Penna, 2006. I racconti: Ritratti, Oèdipus edizioni, 2007 e Labirinti, e-book, kultvirtualpress, 2007. Articoli e saggi compaiono con regolarità sui maggiori periodici letterari sia cartacei sia on line. È iscritta al P.E.N. club Italia.