Gridano!… Anche le sedie sguagniscono!…
Incominciano sempre così!… alle volte… Che nomi
avevano? Quanti sono passati da lì?…
Cosa ti viene da dire?… Mettila via la faccia,
nascondila, rassegnati, tanto li hanno buttati fuori tutti.
Le osterie sono diventate qualcosa come pub. E gli amici? I fracassoni
sempre dietro a urlare? Fategli capire la maniera
che è girato il mondo e il vino che non si beve più
come una volta, un litro in quattro è roba
neanche da sognarla… Prima con quello che avanzava
della pensione ci stavi dentro
tutto il mese. Adesso non si può neanche decidere
come crepare… Trovarne una è quasi
un miracolo. Nemmeno più vengono le mogli
o i figli più grandi a portarci a casa.
Ma una è scampata
dimenticata da Dio ma non dagli uomini.

Non si possono decidere le carte
che mangiano le unghie. Eravamo qui trattenuti
per via di quelle prime o seconde ragioni
di quei pomeriggi che fanno venire voglia di morire,
messi insieme dall’inverno pieno
e mai controllabile soltanto dalle stufe…

Si siedono lontano dalla porta
perché Giannino spaventapasseri era sano
un giorno su duecento… ostia, gli spifferi, ogni mezzo minuto…
Pierino dromedario, per via della guerra in Africa,
ancora con i capelli unti di brillantina…
Tognetto, con il motorino che non si riusciva
a capire che colore aveva, esperto in donne di passaggio…
Peppino, ricco di terre, della moglie però,
che quando c’era da pagare da bere
lasciava sempre a casa il portafogli… La stagione fredda
è dentro di loro e non permette altro.

*

‘E vûsen!… Anca i cadrégh sguagnisen!…
Incumincen semper inscì!… di völt!… Che nom
gh’éren? Quanti înn pasâ de lì?…
Se te vegn de zabetà?… Métela via la facia,
scùndela, rasègnes, tant i ànn traföra tücc.
I usterij înn deventâ quajcòss cume pub. E i amis? I burdelùni
semper ‘dré a sbragià? Fem capì la manéra
che l’è girâ ul mund e ul vin che se bef pü
‘mè ‘na völta, ‘n liter ‘n quater l’è rôba
nanca de sugnàla… Prima cunt quel che ‘vanzàva
de la pensium te ghe stàvet denter
tütt ul mes. Adess se pö pü nanca decid
cume crepà… Truàn vüna l’è squasi
‘n miracul. Nemén pü vegnen i mié
o i bagaj püsé grand a purtàgh a cà.
Ma vüna l’è scampàda
desmentegàda da Diu ma no daj omen.

Se pö no decid i cart
che màjen i unc. S’érum chì strategnü
per via de quej prim o segund resùm
de quej bâs che fann vegnì vöja de murì,
trainsèma da l’invernu pien
e maj cuntrulabil dumâ daj stüj…

Se séten giù luntan da la pôrta
perché Gianin spaventapaser l’éra san
‘n dì sü düsènt… ôstia, i spifer, ôgni mezz minüt…
Pierin drumedari, per via de la guèra ‘n Africa,
amò cuj cavèj vungiü de brilantina…
Tugnèt, cunt ul muturin che se reüsìva no
a capì che culur ‘l gh’éva, espert di donn de pasàc…
Pepin, sciûr de tèra, de la dôna però,
che quand gh’éra de pagà de bef
lasàva semper a cà ul purtaföj… La stagium sbiutàda
l’è denter de lûr e le permett gnient’ôlter.


l modo più semplice per ordinare il libro di Piero Marelli è tramite bonifico:

– effettuare il bonifico all’IBAN IT 95 S 05216 10900 000000006324 (se eseguirai l’ordine diretto alla casa editrice indicando “Lietocolle di Michelangelo Camelliti” avrai diritto al 15% di sconto sul prezzo e le spese di spedizione gratis)

– effettuato il versamento inviare a manuela.camelliti@hotmail.it una mail con in allegato la ricevuta di pagamento

– ricordarsi di inserire nella causale l’ordine che si desidera effettuare