atricolo tratto dalla rivista Ulisse n.9

Concepire il luogo teatrico come cassa di risonanza della parola poetica, come semplice e acritico riverbero che riproduce la parola, come sua più o meno estensibile protesi, è qualcosa che, dal mio punto di vista, mi pare essenzialmente non corretto… continua in (pdf)