foto_intervista_spazianiPROFILO DI MARIA LUISA SPAZIANI

di  Salvatore La Moglie

Quando Pasolini fu barbaramente massacrato, Alberto Moravia disse urlando che era stato ucciso un poeta e che di poeti ne nascevano solo due o tre in un secolo. Certo, tutti possiamo scrivere poesie ma la vera poesia, quella più autentica, quella che poi resta nei secoli è veramente rara. E, dunque, Moravia non si sbagliava nel sostenere che di veri poeti ne nascono pochissimi in un secolo, quasi come se la poesia fosse davvero un dono per spiriti eletti.Tra questi “spiriti eletti” c’è, indubbiamente, Maria Luisa Spaziani, la quale è certamente da considerare la più grande poetessa italiana vivente e tra le maggiori del globo terracqueo. Va detto, anche, che la sua dimensione di poetessa e di donna di cultura supera la soglia della nazionalità, infatti ci troviamo di fronte ad una poetessa di dimensione europea, che non ha nulla da invidiare alle colleghe di altri paesi e non solo europei. Maria Luisa Spaziani – che porta splendidamente i suoi 83 anni – nasce a Torino nel 1924 da agiata famiglia borghese. Il padre, infatti, è un industriale che produce macchinari per l’industria chimica e dolciaria… leggiqui l’intero contributo

Si ringrazia per la gentile concessione la “Aljon Editrice”.   Per il numero cartaceo della rivista; per abbonarsi, scrivere a : redazione@aljoneditrice.it

Nell’ambito della collaborazione tra LietoColle ed il Musagete sono riportati  gli Autori che la Rivista “Il Fiacre” ha trattato nel corso degli anni