Il tempo passa. Questa cosa non dimentica
dietro emergono i suoni celesti
le campane della contemplazione
di ogni giorno nel palazzo affondato nel terreno
anfiteatro tra i reperti del nome segreto
dell’unico sole che splende tra le rovine.

foto: Francesco Visalli-La stanza del suicidio

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]