Il prolungato non uso rende impossibile
lo scatto, peccato: immobile inaspettata
un’innocenza incoerente allarga lo sguardo
al risveglio – 4 febbraio, anno duro di crisi

ma una sposa incauta ha steso la sua gonna
sulle chiese di Roma; adesso, in silenzio
riposa il respiro nel respiro fermo degli alberi
finché piede di uomo non calpesti –

e la rabbia che corrode il mattino non regge
a tanto immacolato splendore

(come si conserva il volo dei passeri
sotto una notte di venti
centimetri di neve).

foto: Mathieu Irthum-Paradox 1

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]