Mi chiami
e mi pretendi
con l’urgenza
della tua pelle:
vuoi che ti prenda
e più,
che ti violenti.
Me lo chiedi
senza parlare,
ti piace che lo faccia
com’è nelle tue attese
e a me piace di farlo,
di soddisfare
le tue pretese
perché ti amo
e siamo senza difese
contenti di usare
e mani e lingua
e denti
l’una sull’altro:
corpi arresi,
corpi assorbenti.

foto: Nom Kinnear-The procession

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]