Ammucchio frumento per i giorni
e papaveri senza odore
per ornare la soglia e le stanze,
acquario gonfiando
di pioggia le gronde.
Le parole dei vecchi
sono pene che conosco,
oltre i vetri appannati
mi fingo una bianca strada,
la tua mano fanciulla
m’inserra il cuore
(dentro l’arancio inverno
preme il giallo senza scorza)
la polpa delle tue dita
apro con coltello d’amore,
io domando la forza dell’infinita stagione.

foto: Andreas Hubner-Girls in nature 2

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]