E se di me gioia ti vince,
è nodo d’ombre.
Non altro ora consola
che il silenzio: che non ci sazia
volto mutevole d’aria e di colli,
giri la luce i suoi cieli cavi
a limite di buio.

Mobile d’astri e di quiete
ci getta notte nel veloce inganno:
pietre che l’acqua spolpa ad ogni foce.

Bambini dormono ancora nel tuo sonno;
io pure udivo un urlo talvolta
rompere e farsi carne;
e battere di mani ed una voce
dolcezze spalancarmi ignote.

foto: Frank Weston Benson-Eleanor

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]