Vedi come sono fragile, dice Figura,
quanto forte ti tengo nel sonno, come
non ti guardo, come mi ricordo,
ripeto il gesto
fin dove sono presente.

Ecco la nebbia dove sono, la lingua
che mi pronunci.

foto: Giorgio Flis-Paesaggio

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]