Tutti gli altri traducono: il pittore
schizza un mondo visibile da amare o da respingere;
frugando nella sua vita, il poeta cerca
e trova quelle immagini che feriscono e legano.

Impegnandosi a fare Arte la Vita,
fidando in noi per coprire il divario,
solo le tue note son meccanismo puro,
solo il tuo canto è un dono assoluto.

Mesci la tua presenza, scrosciante di gioia
sui pendii del ginocchio, sulle chiuse del dorso,
a invadere il nostro clima di silenzio e dubbio.

Tu solo, o canto immaginario, tu
non puoi dire sbagliata un’esistenza:
e mesci il tuo perdono come un vino.

foto: Bruno Maderna-Serenata per un satellite

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]