A volte le nuvole sprofondano
su terre ingannatrici.
Il temporale scorda i suoi strani poteri.

Noi siamo là,
tramandando con lamenti assurdi
l’amnesia d’un giardino.

Gli dei ci appaiono ora
come questa peluria di cardo
nello spazio.

Pietre schiantate, reso il campo –
aperto al delirio –
la notte troppo pesante oscilla.

L’alba, ancora, sublime,
il pezzo di sole gettato per compassione
nella scodella cieca.

foto: Ben Goossens-A heart for the world and nature, 2010

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]