Tutte le notti mi sembra che dormi accanto.
I sogni, abbracciati, si compenetrano.
I cuscini uniti sono come una nuvola che cammina
– e dentro porta i tanti dicembre, i novembre, gli agosto e i maggio.

Dentro quella nuvola ci sono i nostri distacchi e i campi che percorro di notte.
Un brindisi per colui che sempre resta.
Qualche tuo capello appositamente non toccato con l’acqua.
Le fontane e i giardini di Tivoli. Gli uliveti.

Si compenetrano i nostri sogni. Sogniamo lo stesso?
Non lo so. Non posso conoscere quelli tuoi.
Nei miei ci sono le vette, le valli coi fiori azzurri.
E qualcuno impenetrabile che scrive il tuo nome sulla corteccia.

Dormi accanto. Oppure mi sembra soltanto?
Allungo la mano, quasi tocco il tuo braccio.
Di colpo, nonostante la notte fonda, spunta l’alba.
La nuvola si trasforma in due cuscini.

Nato il 21 giugno 1952 a Lukta, piccolo borgo nel nord-est della Polonia, nella regione di Warmia. All’età di 37 anni pubblica il suo primo volume Patrimonio, ricco di riferimenti alla terra natia, le regioni della Warmia e Mazury. Molti consensi hanno ricevuto gli incontri per giovani poeti provenienti da tutta la Polonia che organizza da 20 anni. Autore di diverse raccolte di poesie, romanzi e racconti.

 

Quadernario-2016-copertina-piatta-199x280

clicca qui per accedere al catalogo online