(…) Pensavo a tante cose, rivivevo infinite cose
e mi è caro il ricordo di quelle ore. C’era la guerra,
proprio la guerra più vera, vivevo intensamente cose
che sognavo, che ricordavo e che erano più vere
della guerra. Il fiume era gelato, le stelle erano fredde,
la neve era vetro che si rompeva sotto il fiume,
ma io avevo dentro di me un calore
che scioglieva tutte queste cose (…).

foto: Mariusz Warsinski-Private piece of hope

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]