A volte piombo dentro me stesso, come venendo da te,
e mi raccolgo in una tristezza immobile,
come una bandiera che ha dimenticato il vento.
Sui miei sensi passano angeli del crepuscolo
e lenti mi imprigionano i cerchi notturni.
Veniamo dalla notte e nella notte andiamo.
Ascolta. Io ti invoco da un orologio di pietra,
dove cadono le ombre, e dove il silenzio cade.

foto: Mohammadreza Rezania-Your very last hour

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]