Abbiamo creato la notte ti tengo la mano e veglio
E ti tengo con tutte le forze
E incido su una roccia l’astro delle tue forze

Solchi profondi dove la bontà del tuo corpo germinerà
E mi ripeto la voce tua segreta la voce tua pubblica

E rido ancora dell’orgogliosa
Che tratti come una mendicante
Dei folli che rispetti dei semplici in cui ti specchi

E nella mia testa che dolcemente s’accorda
con la tua con la notte

Mi meraviglio dell’ignota che diventi
Un’ignota simile a te simile a tutto ciò che amo
Che è sempre nuovo

foto: Davide Procaccini-L’aurora alle spalle

[button link=”http://www.lietocolle.com/cms/?page_id=4631″ color=”orange” size=”small” target=”_self” animation_type=”0″ animation_direction=”down” animation_speed=””]ARCHIVIO[/button]